I post con keyword informazione

  • L'avvelenata

Il dibattito sullo sciopero dei dipendenti RAI sta svicolando verso forme surreali. Secondo noi, invece, il punto è uno solo ed è semplicissimo: se Renzi vuole davvero #lasvoltabuona in questa faccenda allora dovrebbe fare solo una cosa: vendere la RAI al miglior offerente garantendo la concorrenza nel settore dell’informazione con gli strumenti antitrust, abolendo così la tassa più iniqua e regressiva del nostro sistema fiscale (qualcosa di sinistra, ci pare), cioé il canone RAI, e mettendo nelle tasche di quel 75% di italiani che questa tassa la pagano quasi 2 miliardi di euro all’anno. Cogli l’occasione propizia e #cambiaverso davvero, Matteo. Se no, un po’ buffone lo sei anche tu.

  • Passaparola

Il 20 dicembre la Banca d’Italia ha pubblicato la sua ricerca annuale sulla ricchezza delle famiglie italiane. Praticamente tutti i quotidiani hanno titolato annunciando che ”il 45% della ricchezza è controllato dal 10% delle famiglie”. Si vedano La Stampa, Il Giornale, Corriere, Il Fatto e Repubblica; fa parziale eccezione il Sole 24 Ore, che comunque segnala con evidenza il fatto nell’articolo. Vorremmo sommessamente spiegare perché si tratta di un episodio di cattivo giornalismo.

Update [21 dicembre]. Credit where it is due. Dal Il Foglio mi fanno sapere che almeno loro hanno titolato in modo ben diverso.

  • Ex Kathedra

A parte il fatto di essere quotidiani, s’intende.

Stando al Corriere della Sera, la redazione de Il Manifesto ha organizzato una protesta ad oltranza per combattere il taglio ai sussidi elargiti ai quotidiani italiani. A loro modo di vedere, la manovra mette a rischio la libertà d’informazione. Sul Wall Street Journal del 14 luglio, Lee Bollinger (il presidente della Columbia University) fondamentalmente condivideva la tesi: questi chiede infatti un aiuto ($$$) federale per mantenere libera e indipendente la stampa americana.

Per riassumere: i due giornali culturalmente più agli antipodi del mondo occidentale sono schierati sullo stesso fronte. Ad unirli, surprise surprise, è ciò che mette sempre tutti d’accordo: i piccioli, $$$, €€€.
  • L'avvelenata

Sul Corriere della Sera del 9/11/2009 il cardiochirurgo italiano Menicanti, intervistato a margine delle notizie sul progresso della riforma sanitaria USA, afferma che “gli italiani vivono in media dieci anni in più rispetto agli americani”. L’affermazione è platealmente falsa, come emerge dai dati statistici, che indicano piuttosto una maggiore speranza di vita di 2-3 anni. Le altre informazioni contenute nell’articolo hanno qualche corrispondenza con i dati di fatto?

Contattaci