I post con keyword banche

  • L'avvelenata

Sarà mica più utile all’alfabetizzazione finanziaria degli italiani trovare posto a scuola per qualche ora di lezione sul valore della moneta nel tempo o sul legame (anche solo come nozione intuitiva) tra rischio e rendimento, piuttosto che fondare l’ennesima commissione, che come cantava il poeta “si costerna, si indigna e si impegna, poi getta la spugna con gran dignità”?   

  • Ex Kathedra

A margine di un seminario organizzato dall’ESM si torna a parlare di bad bank, questa volta a livello europeo. Con buona pace della passione tutta italiana per le “soluzioni di sistema”, la proposta presenta diverse criticità sotto il profilo tecnico (leggasi aiuti di stato e principi contabili ), ma soprattutto non si comprende in che modo potrebbe contribuire ad “alleviare le sofferenze” degli istituti di credito.

  • Ex Kathedra

Questo articolo offre un’analisi critica del recente piano per la ristrutturazione del Monte dei Paschi di Siena alla luce dei recenti sviluppi nel mondo bancario italiano e una valutazione di cosa sia richiesto per arrivare a soluzioni durature del problema dei Non-Performing Loans (NPL) e della scarsità di capitale. L’articolo è un riassunto di un lavoro più esteso, che può essere scaricato qui.

  • Ex Kathedra

Nelle puntate precedenti mi sono chiesto se, per la convivenza civile, sia preferibile il tallone regolamentare (1) o quello aureo (2) per ancorare M e avevo concluso che, qualsiasi sia l’àncora, vi sono problemi di convivenza civile proprio perché è l’àncora stessa a richiedere il rispetto di alcune regole. Per cui, dicevo, il problema si sposta: le regole sono “positive” o “naturali”? O meglio, quanto “positive” e quanto “naturali” e quali vengono prima? È possibile, dunque, abolire l’àncora? Peggio che andar di notte! Ma, oggi, cos’è l’àncora?

  • L'avvelenata

 I vescovi di un tempo battezzavano “pesce” la carne per aggirare nella sostanza, pur rispettandola nella forma, la regola del venerdì. Ancora oggi, gli italiani per stabilire il valore delle cose (o la convenienza sugli impieghi dei propri risparmi) confidano sul giudizio (tutt’altro che trasparente e disinteressato) del “sacerdote” di turno sia esso l’opinionista, il politico o il sedicente tenico indipendente, diffidando sempre del meccanismo diabolico (ed anonimo) chiamato mercato.

Il caso MPS (e delle altre banche) ci fornisce l’opportunità di studiare un aspetto qualificante della cultura italiana e una non trascurabile determinante del suo declino.

  • Ex Kathedra

Come anticipato nell’ultimo post di Alberto esiste una via per mettere in sicurezza il sistema bancario italiano senza far necessariamente pagare il conto ai contribuenti: in breve, fare come in Spagna. Proviamo ad illustrarla dopo aver chiarito perché, invece, quella adottata dal governo porta solo ad ulteriori, futuri disastri.

  • Ex Kathedra

Cerco di descrivere le differenze operative fra tallone regolamentare e tallone aureo per capirne l’impatto sull’ambiente economico-finanziario. Aureo o regolamentare che sia, il tallone serve per agganciare la moneta, che è un debito di chi la emette, ad un punto di riferimento oggettivo ed impersonale che tutti possano accettare, dando così valore alla moneta emessa. In altre parole: entrambi i talloni cercano di “ancorare” la quantità di moneta in circolazione ad un criterio condivisibile ed osservabile da tutti gli operatori economici interessati. In caso contrario l’emissione di moneta diventa arbitraria, per cui l’obiettivo stabilità monetaria diventa vacuo. 

Contattaci