• L'avvelenata

L’economia dei giornalisti: il PIL per chilometro quadrato

Nel supplemento del Corriere della Sera del 12/11/2009 dedicato al Piemonte c’è un articolo di “radiografia economica” con titolo “Vantaggi e rischi del fattore demografico” dove viene introdotta una curiosa misura economica: il PIL per chilometro quadrato. Quale ragione avrà indotto l’autore a proporla?

Ebbene non mi sembra esistano ragioni valide per introdurre questa misura. La mia interpretazione è un po’ maligna ma, immodestamente e andreottianamente, temo sia realistica. L’autore aveva a disposizione alcuni dati (allegati in due tabelle) sui consumi delle famiglie (legati al PIL pro-capite) e sulla qualità della vita di alcune province piemontesi (fonti: Il Sole 24 Ore, ORLM su dati ISTAT, Regione Piemonte):

Consumi delle famiglie 2007, Euro al mese

Biella 1536
Vercelli 1527
Alessandria 1511
Verbania-Cusio-Ossola 1472
Novara 1461
Cuneo 1405
Torino 1404
Asti 1393

Qualità della vita, posizione in classifica 2008

Cuneo 13
Asti 23
Verbania-Cusio-Ossola 26
Biella 35
Novara 36
Vercelli 42
Torino 66
Alessandria 69

Questi dati sono piuttosto negativi per una provincia particolare, quella di Torino, dove giocano un ruolo molto importante alcuni noti azionisti del giornale in questione. Come risollevare la situazione? Arriva in soccorso il genio italico con l’introduzione del PIL per chilometro quadrato. Date le modeste differenze nei consumi delle famiglie, il PIL per chilometro quadro è primariamente una misura della densità della popolazione, e lì Torino vince a mani basse:

[…] A livello regionale i primi tre comuni per reddito pro capite sono in provincia di Torino (Pino Torinese, Pecetto Torinese, Fiano), ma al quarto posto troviamo Grinzane Cavour e al nono Alba a testimoniare la forze della tradizione vinicola della provincia di Cuneo (altrimenti non troppo ben piazzata). Infatti, se guardiamo al reddito prodotto per chilometro quadrato troviamo al primo posto la provincia di Torino (8,73 milioni di euro), al secondo Novara (6,89) al penultimo Cuneo (2,19) e all’ultimo Verbano Cusio Ossola (1,45). […]

Questo articolo ha 4 commenti.

  1. Franz53

    L’economia dei giornalisti: il PIL per chilometro quadrato

    Chiaramente all’ultimo posto vengono province in cui ci sono piu’ montagne che altro.
    Ed il Lussemburgo e Singapore sarebbero a livelli stratosferici.
    Che dire Alberto? È un classico esempio di creatività italiana.

    FF

  2. Marcellourbani

    L’economia dei giornalisti: il PIL per chilometro quadrato

    al nono Alba a testimoniare la forze della tradizione vinicola della provincia di Cuneo

    Tradizione vinicola un piffero.Ad Alba c’è la Ferrero (sede legale a Pino Torinese btw),ci lavora mezza città.

    1. ME

      BEYOND GDP

       

      A proposito di nuove misurazioni del benessere e di nuovi indicatori, segnalo l’iniziativa dell’Unione Europea e OCSE: BEYOND GDP.

      Sarebbe interessante se qualcuno dei redattori commentasse anche solo l’ultima COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE DELLE COMUNITA’ EUROPEE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO: COM(2009) 433 definitivoNon solo PIL. Misurare il progresso in un mondo in cambiamento – Bruxelles, 20.8.2009].


Lascia un commento