I post con keyword riforme

  • Passaparola

Ieri Dini ha posto un ultimatum
al governo condizionandone la sopravvivenza all'
accettazione di 7 riforme. Da quasi due anni
ripetiamo, almeno parlando di politica economica in Italia, più o meno
sempre la stessa manfrina: il paese ha bisogno di mercato, mercato, e ancora
mercato
. Dini è il leader di un partito con la parola liberale nel nome. Nessuno
dei sette punti menziona direttamente concorrenzialità e liberismo
economico, mentre alcuni lo fanno indirettamente. Nonostante questo sembrano
aver sollevato una grande levata di scudi a sinistra, e non solo a sinistra. A noi sembrano ovvietà che ogni governo decente dovrebbe aver già attuato, altro che utili spunti di discussione.

  • L'avvelenata

Il Dottor Alberto Barone, notaio in Lecco, mi ha inviato per via email una lettera in risposta ad un mio intervento sulla professione cui appartiene, risalente al maggio 2006. Ringrazio per la lettera, in particolare perche’ fornisce interessanti spunti per un’ulteriore elaborazione su un tema, quello della liberalizzazione all’accesso alle professioni, che ci sta molto a cuore.

  • Ex Kathedra

L’universita’, per distorsione professionale, e’ uno dei temi ricorrenti su nFA. Questa volta rdibattono due ospiti. Nello specifico Gianni de Fraja (Leicester, UK) e Nicola Lacetera (Case Western OH). Boldrin fa, guarda caso, solo da provocatore ed editore. Il dibattito e’ aperto, per l’ennesima volta. Controlliamoci e, soprattutto, non ripetiamoci.

Sommario

L’articolo di Gianni ed il commento di Nicola su LAVOCE.IT
Introduzione, di Michele Boldrin
Pagina 2: La critica di Nicola Lacetera
Pagina 3: La replica di Gianni De Fraja

Contattaci