I post con keyword obama

  • Passaparola

Entra in vigore in questi giorni l’Affordable Care Act, spesso chiamato Obamacare, la riforma sanitaria voluta da Obama. Dal primo ottobre è possibile per i non assicurati acquistare assicurazioni presso specifici “marketplaces” statali, a prezzi sussidiati per chi avesse un reddito inferiore al 125% della soglia di povertà.

Per saperne di più, proponiamo una sintesi della riforma illustrata da wonkblog (in inglese). Per una critica (in italiano) riproponiamo due articoli postati qui su nfa nel 2010 da Michele Boldrin e Brighella, ancora attuali:

Ricordiamo ai lettori che, in rari e circostanziati casi, concediamo l’anonimato agli autori che, per vincoli istituzionali sono costretti a mantenere riservata la propria identità. 

  • Qui è FLG

Un post di Massimo Famularo poneva delle domande a Furio Colombo in merito a un editoriale pubblicato sul Fatto Quotidiano. Il giornalista ci ha gentilmente fatto avere una replica, di cui lo ringraziamo. Ci pare che la replica illustri con chiarezza e onestà intellettuale una posizione abbastanza comune in Italia. Per questo ha motivato le seguenti nostre ulteriori precisazioni.

  • Ex Kathedra

In questo post di Massimo Famularo erano state poste alcune domande a Furio Colombo inerenti un editoriale da lui firmato su Il Fatto Quotidiano. Di seguito riportiamo la replica che Furio Colombo ci ha gentilmente fatto avere.

Per intendere lo scambio è bene tener conto che la situazione italiana e internazionale è cambiata da quando l’editoriale di Colombo e il post di Massimo sono stati scritti (mezza estate).

  • Markopolo

Nelle conclamate intenzioni di Obama, la riforma del sistema sanitario dovrebbe proteggere i cittadini più deboli. Ecco perchè le cose, con molta probabilità, non stanno così. [Brighella, come gli antichi lettori sanno, è un taxi sul quale salgono quei collaboratori a cui stupide regole censorie non permettono d’esporre le proprie opinioni in pubblico firmandosi. NdR]

Contattaci