I post con keyword global warming

  • Ex Kathedra

 Il vortice polare che si è abbattuto sul nord America nelle ultime settimane portando scenari da “The Day After Tomorrow” ha fatto parlare molto, e nuovamente, di cambiamento climatico. Ne approfitto per tornare sull’argomento e vedere cosa è cambiato da quando, quattro anni fa, ne parlammo per l’ultima volta su questo blog. Oggi, pongo la questione facendo riflessioni non solo sul piano scientifico – a cui peraltro si era dato più risalto in passato – ma anche sul piano dell’impatto sociale.

  • Passaparola

Ieri, 12 Febbraio, in Italia un tot di persone partecipavano all’iniziativa “M’illumino di meno“, lanciata dalla redazione di Caterpillar [Disclosure: alcuni sono amici miei; qualche rara volta mi chiamano durante la trasmissione.] Via svariati siti internet ho notato una cosa strana: ai giovani che in Italia si definiscono “liberali”, spegnere le lampadine inutili sembra attività spregevole. Mi domando il perché di questo atteggiamento.

  • Ex Kathedra

Il movimento ambientalista può pensare che quanto più terrificante la prospettiva che si dipinge “se non si fa nulla”, tanto meglio è per l’ambiente. Quindi non c’e nulla da perdere a esagerare un po’. Io credo che l’idea sia fondamentalmente sbagliata, e che invece serva ad altri. E invito a guardare al dito.

Cominciamo con l’evidenza, in particolare con quella esibita nell’intervento di Gilestro.

Contattaci