I post con keyword gelmini

  • Qui è FLG

Il Decreto Gelmini, la cui conversione in legge è ormai imminente dopo gli emendamenti e l’approvazione del Senato, apre la strada a un reale cambiamento nella conduzione dell’università? A me sembra si tratti solo di un buon segnale, non molto di più. Una maggiore chiarezza sulla direzione di marcia si avrà dai regolamenti e dai decreti che ne cureranno l’attuazione. Ma una svolta reale, una innovazione di grande portata sarebbe accompagnare subito questo decreto con un cambiamento delle regole sui giudizi di conferma dei vincitori di concorso.

  • Passaparola

La legge di riforma della scuola proposta dal ministro Gelmini trasformerà radicalmente la scuola primaria; purtroppo, i media si sono soffermati sui grembiulini e su poche altre questioni marginali. Secondo noi maestri il tema va invece approfondito, perché le riforme proposte vanno in una pessima direzione. Il ministro Gelmini continua a dire: “Non capisco il perché di tante manifestazioni”. Già, NON CAPISCE!

  • Qui è FLG

Personalmente, non mi dispero affatto per le riduzioni del turn over e
per i conseguenti tagli programmati al Fondo di Finanziamento
Ordinario, FFO, dell'università (Legge 133/08). Che si tratti di un
attacco alla ricerca – come si grida nelle "agitazioni" di questi
giorni e nell'appello di illustrissimi docenti per bloccare addirittura
l'apertura del nuovo anno accademico – è una mistificazione. Certo è
una misura drastica, che impone razionalizzazioni e che lascia del
tutto aperto il problema della distribuzione del FFO tra gli atenei,
cui dovrà provvedere, come ogni anno, apposito decreto. Ma la questione
è molto più complessa di quanto le strumentalizzazioni della politica,
a tutti i livelli, lasciano intendere.

  • L'avvelenata

Alcuni giornali hanno riportato venerdì i contenuti di un'intervista radiofonica con il ministro dell'Istruzione Gelmini, dai quali si evince la sua intenzione di promuovere (1) la settimana corta in tutte le scuole, che rimarrebbero così chiuse il sabato; (2) il grembiule per tutti, anche se al ministro "piacerebbe pensare più all'introduzione della divisa … magari con lo stemma dell'istituto appuntato sulla giacca"; (3) la reintroduzione della bocciatura con il 7 in condotta.

Ma è così difficile immaginare che decisioni così marginali sulle politiche educative possano essere decentrate al livello di ogni singola scuola? In questo paese, pare di sì.

Contattaci