I post con keyword declino

  • Qui è FLG

Riflessioni sui tempi che corrono. Partirò dalla contingenza politica italiana per poi allargare il campo d’indagine anche oltre il presente e oltre l’Italia. Esiste qualcosa che meriti “fare” o, invece, e’ più saggio sedersi sul monte a guardare come demografia, tecnologia e religione cambiano di nuovo l’Occidente e il mondo? Questa è la domanda che mi pongo.

  • L'avvelenata

Il nostro paese ha una politica di rimborso dei danni delle calamità naturali che premia la deresponsabilizzazione di proprietari, costruttori, progettisti ed amministratori e penalizza chi, fra i precedenti, investe nella sicurezza del proprio patrimonio e fa il proprio dovere. È sensata questa politica? L’approvazione del decreto di ricostruzione per il terremoto di Agosto ci offre l’occasione per una riflessione a nostro avviso utile, anche se forse sgradita ad alcuni. 

  • Qui è FLG

Hanno vinto il 4 marzo e sono al governo per stare assieme quanto più a lungo possibile, ok. Ma: (i) come siamo arrivati a questo risultato, (ii) quali fattori hanno reso politicamente irrilevanti sia PD che FI (per non parlare di LeU), (iii) dov’è oggi l’opposizione al governo rosso-bruno? Vaste programme, lo so. Ci provo e scusatemi se riesco ad essere apodittico nonostante la lunghezza. 

  • L'avvelenata

 I vescovi di un tempo battezzavano “pesce” la carne per aggirare nella sostanza, pur rispettandola nella forma, la regola del venerdì. Ancora oggi, gli italiani per stabilire il valore delle cose (o la convenienza sugli impieghi dei propri risparmi) confidano sul giudizio (tutt’altro che trasparente e disinteressato) del “sacerdote” di turno sia esso l’opinionista, il politico o il sedicente tenico indipendente, diffidando sempre del meccanismo diabolico (ed anonimo) chiamato mercato.

Il caso MPS (e delle altre banche) ci fornisce l’opportunità di studiare un aspetto qualificante della cultura italiana e una non trascurabile determinante del suo declino.

  • Qui è FLG

I due articoli/capitoli inizali hanno ricevuto un certo numero di commenti e di critiche. Prima di continuare con gli ulteriori capitoli che ho in mente (la mia estate italiana è ancora lunga) discuto qui, brevemente, quelle che mi sembrano le osservazioni più rilevanti.  Certamente altre ne verranno. Grazie a tutti per i commenti costruttivi, anche se critici. 

  • L'avvelenata

Dopo 150 anni in cui gli abitanti del Meridione hanno avuto l’opportunita’ di esprimere i propri rappresentanti nelle assemblee legislative e nel governo dello stato centrale, oltre che, ovviamente, le proprie elite e classi dirigenti, a chi sara’ mai imputabile il marcato divario oggi esistente tra il sud e il nord del paese? Hanno ancora senso espressioni come “Questione Meridionale” o “Emergenza Sud”?

  • Qui è FLG

L’episodio di Quinto di Treviso, che m’aveva ispirato un piccolo apologo alcuni giorni fa, m’ha fatto riflettere e leggere in giro per comprendere la natura delle sempre pù numerose sollevazioni popolari contro gli “immigrati”, in generale, ed i rifugiati raccolti dai barconi, in particolare. La mia conclusione, che mi piace sperare sia erronea, è che siamo di fronte al manifestarsi d’un razzismo tanto diffuso quanto inconcludente. Ma potenzialmente molto pericoloso, non tanto per i migranti ma per gli italiani.

Contattaci